MY ATLAS



Ringrazio Krunoslav Ivanišin  per aver commentato il mio libro su una nuova piattaforma digitale  http://www.transfer-arch.com/ 





Transfer Global Architecture Platform, is a new independent digital editorial project based on the production and transmission of original architectural knowledge with the aim of connecting contemporary ideas and practices and building a global architectural culture.
Transfer aims to be a global reference in the generation of leading architectural content, with the objective of becoming an international influence, both as a window for analysing and understanding the world, and as a microphone for participating in the global architectural discussion.
Transfer digitally publishes a series of monographs and weekly sections, aiming to explore new ways of showing and experiencing architecture with digital media.
Based in Zurich, Transfer is edited by a team with extensive experience in research and architectural edition, and relies on an outstanding network of global observers worldwide.





















 
An Atlas of Imagination
Luca Galofaro
Damdi publisher 2015




It is not easy to write something about Luca Galofaro’s atlas of imagination because the author – also collector and curator in this case – has already explained almost everything about the collection himself. Followed by an open-ended sequence of public talks, discussions, presentations and exhibitions in the physical space and on the internet, the book describes the idea of montage as a form of production, presenting a collection (an atlas, an archive) of found and worked images and texts. Like in a beautiful movie, the images–montages fold and unfold before our eyes, unbounded by either the associated concepts and meanings inherited in the images–origins they were built from, or the otherwise ubiquitous gravitational force. Like in an interesting scientific paper, the accompanying texts–quotes verbalize the images within a certain intellectual tradition, providing the context to bind the sum of parts into the coherent whole.  An Atlas of Imagination is not just another picturesque assemblage of pictures and words; is a higher- order montage in its own right.

Beyond the naivety of seemingly similar products of contemporary artistic practices and despite the partial cancellation of the gravitational force, I like to think about Luca Galofaro’s pictorial montages as genuinely architectural tools. This means that they may be instrumental in the conscious production of architecture and knowledge on architecture. The fact that author named them “montages” instead of “collages” emphasises the qualities of time, space, and possibly even movement included within the fixed forms similar to movie stills printed on paper. As independent end-documents in the form of gallery exhibits with layers printed on the overlaid sheets of glass, the montages turn out to be real three-dimensional objects. But from an architectural perspective, they are even more interesting as by-products documenting ideas around concrete architectural projects or the working models documenting certain critical moments in their production. They are nothing like “I have forgotten the plot, but I am certain that I watched this movie,” or “I was in a place like this, I have only forgotten when and where.” Paraphrasing Gerhard Richter, whom Luca Galofaro quotes twice in his atlas, his montages may indeed become real places and architectures. “We are still not there. We are only on the way.” The most delightful thing about each of the montages is this purely architectural quality of incompleteness which includes the promise of the spatial implementation of an architectural project.

The most delightful thing about the book as a whole is that the original images and the original quotes retain their original properties. We easily recognise the heavy Pantheon section as the section of Pantheon only multiplied into a weightless space station. We read Sol Lewitt’s emphasis on things illustrating mental process as more interesting than the final result as proper to his own work and at the same time descriptive of Luca Galofaro’s montages. An Atlas of Imagination is a mixture with clearly distinguished parts and joints, not a compound with differences that are blurred and obfuscated. The parts are not sacrificed for the sake of the whole, but they interfere in accordance with a certain tectonic order. Moreover, the resulting montages recall some real architectural collages, surprisingly uncovering the origins of things and the hidden relationships between them. (Krunoslav Ivanišin)





UNA NUOVA DIMENSIONE URBANA




























Spazi d’artificio

Dialoghi sulla città temporanea

A cura di Luca Reale, Federica Fava e Juan López Cano
DIAP PRINT 
Quodlibet 2015









Questo libro cerca di definire attraverso l’analisi delle varie visioni teoriche un percorso che presenti il leisure time come un concetto complesso e problematico, (analizzandolo appunto attraverso testi opposti), mentre i progetti architettonici utopici o realizzati, concreti o del tutto aleatori- interpretano in modi diversi tale complessità.
Il leisure time è presentato non secondo il significato che nel corso della storia viene attribuito al termine, ma secondo una lettura che gli attribuisce un valore spaziale capace di rivitalizzare lo sviluppo urbano delle nostre città.
Per questo motivo i progetti presentati appartengono ad una dimensione teorica e sperimentale o sono frutto di letture interpretative di fenomeni sociali in atto nel periodo stesso in cui vengono formulate. L’unica certezza è che nello stesso momento in cui il sistema capitalistico fondato sulla certezza del lavoro comincia il suo lento declino è necessario immaginare delle alternative per le nostre città. Il progetto architettonico può interpretare le possibilità e le problematiche offerte dalla disponibilità di leisure time e prefigurare una nuova dimensione urbana.
Il leisure secondo questa interpretazione definisce un campo d’azione attraverso il quale creare un alternativa allo sviluppo sociale, creativo ed economico delle nostre città.
E l’architettura definendo questo campo determina un modello di crescita. Il concetto di leisure time nasce come contraltare al tempo del lavoro, è considerato nel linguaggio comune come un tempo di risulta, un avanzo da riempire o semplicemente un intervallo utile a concedersi una pausa dalla routine quotidiana per ricaricarsi. Il Leisure è un tempo impiegato attraverso l'autodeterminazione, che escluderebbe, per definizione, le attività legate al lavoro o all'autosostentamento (nutrimento, riposo, educazione). In realtà la definizione risulta problematica, dal momento che il confine tra leisure e attività inevitabili resta sfumato. (Spesso si lavora anche per leisure). Inoltre la distinzione tra leisure e tempo libero è oggetto di interpretazione, se si considera ad esempio, la tesi situazionista per cui il tempo libero è illusorio e privato all'uomo dalle forze economiche e sociali, che glielo rivendono come leisure, o tempo mercificato.

Leisure will never be life's primary activity, because labour remains the source of all value. However, leisure is the means through which cultural, political, ethical and spiritual existence can be enhanced and refined for the betterment of life in general. We believe that the study of leisure should be guided by this ambition. It is the best reason one can give for doing Leisure Studies in the complex, challenging, difficult, but always exciting, ‘local–global balance' of the world in which we live today. What we mean by leisure today is essentially and negatively “un-business.” “Free time” connotes only time free from the world of affairs; like a day “off” in the working week, the meaning depends on, and the value is restricted by, the temporal frame of reference. We have “time on our hands” and “time to kill”, but we have no locution to indicate time free for its own sake, time not as escape, but as fulfillment . [1]
La disponibilità di tempo libero è rispetto al passato, in seguito alla diffusione delle nuove tecnologie e della crisi economica, questo tempo è consumato troppo velocemente secondo riti urbani che si ripetono trascurando i valori dell’esperienza, della memoria e della tradizione. I riti urbani ( consumo, turismo, sport)  che si sono sviluppati sulle esigenze capitalistiche, hanno funzionato fino al momento in cui il sistema non è entrato in crisi, oggi tutto sta cambiando.
Il tempo libero non è più una necessità ma sta diventando un problema, una possibilità, una risorsa.  I riti urbani possono essere riconvertiti in nuovi programmi funzionali che rispettino i luoghi e le comunità insediate.
Nelle città si sono create delle contingenze secondo le quali l’industria del tempo libero consuma i luoghi (il turismo veloce ne è un’esemplificazione)  senza che avvenga alcun tipo di crescita spaziale controllato sul piano qualitativo, e senza che sui luoghi intervengano tutte le energie culturali della società. Il leisure può invertire la tendenza al consumo.




[1]  Rojek, Chris, Susan M. Shaw, and A.J. Veal (Eds.) (2006) A Handbook of Leisure Studies. Houndmills, UK: Huzinga, Johannes. Homo Ludens, Peter Borsay, A History of Leisure: The British Experience since 1500, Palgrave Macmillan, 2006

LA RICERCA E LA TEORIA





















Il progetto dell'Autonomia 
Politica e architettura dentro e contro il capitalismo
Pier Vittorio Aureli
Quodlibet 2016




Finalmente a quasi dieci anni di distanza tradotto in Italiano e pubblicato in una versione aggiornata ed ampliata, un libro scritto tra il 2006 e il 2007 che nasce da una serie di lezioni ed un seminario che il suo autore ha tenuto presso la Columbia University di New York.
E' un libro importante perché al di là dei contenuti, è stato scritto da un progettista prima che da un critico, che guarda in modo diverso ad un periodo storico molto preciso, cercando attraverso l'interpretazione, di tornare a parlare di architettura come risultato di un pensiero politico.
Posso definire questo libro con la frase politicamente consapevole, perché attraverso una serie di sguardi sul progetto e sulla storia, ma anche attraverso il porsi domande continue l'autore individua un percorso molto particolare che ci guida tra progetti molto diversi tra loro, ma con una matrice politica comune.
Un costante interrogarsi il suo, fare domande come si compie un rituale, fare domande come forma di esplorazione e non come ricerca di certezze.
Se le cercate infatti non ci sono risposte in questo libro, ma solo un modo di guardarsi indietro per leggere il presente e immaginare il futuro.
Si badi bene chi scrive non coltiva alcune illusioni, neppure minima, di risuscitare alcunché di quel periodo. È bene ribadirlo con forza, le esperienze che ho descritto in queste pagine appartengono come si suol dire al loro tempo, al loro contesto storico e politico che oggi è, come ovvio, totalmente diverso. 
Il libro prima di tutto è un tentativo di comprendere se sia mai esistito un progetto dell'autonomia in architettura e per farlo, Aureli mette in relazione tra loro tre personaggi che apparentemente rappresentano altrettante posizioni culturali, ma che in uno stesso periodo storico reagiscono ai cambiamenti politici ed economici attraverso un'idea di architettura molto precisa. 
Manfredo Tafuri, Aldo Rossi, Archizoom una volta sottratti alle facili interpretazioni figurative ci svelano dei lati inaspettati.
Ora dei tre capitoli quello su Tafuri, forse perché non sono riuscito mai a comprendere il suo pensiero, è il più ermetico. Ogni suo discorso critico, mette in profonda crisi quello che precede, non offre soluzioni, sembra quasi che esista nel suo pensiero una sorta di delusione continua che toglie alla ricerca ogni proiezione progettuale. Una crisi dell'oggetto che impediva alla città di crescere ed essere soggetto di uno sviluppo coerente in chiave politica. Diverso il discorso su Rossi e Archizoom, i cui progetti presi in esame nascondono se letti insieme ad Aureli nuove possibilità interpretative.



La lezione che oggi possiamo trarre dal lavoro di Tafuri, Rossi e Archizoom va al di là dei facili ripescaggi e indica che nella teoria via qualcosa di irriducibile alla pratica dell'architettura come professione. Senza nulla togliere a quest'ultima, se questo libro avrà una qualche utilità sarà forse quella di ricordare che lavoro teorico non serve la pratica e che quest'ultima ha una sua validità in sé. Eppure è proprio nel lavoro teorico che l'architettura come forma di conoscenza, come modo di comprendere le cose, Si riappropria del proprio spazio, che quello di pensare, di criticare e, se possibile, di cambiare lo spazio in cui viviamo e lottiamo.









Aureli si mantiene distante dalla pratica, assai diffusa negli ultimi anni, di “creare” nuovi concetti per cercare di spiegare una realtà contemporanea spesso vista come inesorabilmente “mutante” rispetto al passato, e dunque del tutto inconciliabile con questo; ma al tempo stesso lo fa senza cedere alla tentazione – altrettanto diffusa e frequente – di rifugiarsi nella sterile negazione della realtà, o di farsi paladino di una critica programmaticamente “contro” o “anti-”.

Il suo pensiero critico, anche se molti sostengono il contrario, non è interessato all’aspetto “formale” dell’architettura in senso estetico-figurativo: ciò che vuole mettere in luce è la natura definita della forma. Il problema della forma è dunque quello stesso del limite. Come già cent’anni fa rilevava Georg Simmel: «Il segreto della forma sta nel fatto che essa è confine; essa è la cosa stessa, e nello stesso tempo, il cessare della cosa, il territorio circoscritto in cui l’Essere e il Non-più-essere sono una cosa sola».
È qui – più e meglio che altrove – che si lascia riconoscere il già ricordato coraggio di Aureli: nell’affermare, oggi, la separatezza (ovvero, ancora una volta, la differenza) come un valore politico, non anti-politico: l’unico – l’ultimo – modo, forse, per poter stare insieme davvero.
Aureli riesce a lavorare sul limite che separa due tipi di ricerca quella del progettista e quella dell'educatore. Costruisce un libro importante, un libro da leggere per capire che una critica operativa può e deve essere fatta a prescindere dal progetto. Un libro come questo infatti, non è una trascrizione di un' attitudine figurativa, ma un lavoro sulla storia e nella storia, che supporta il progetto in alcuni aspetti concettuali, utili a definire una campo d'azione in cui muoversi per ricostruire il nostro futuro.





UN ROMANZO COME PROGETTO

























La palazzina di Villa Sciarra
Michele Costanzo
postmedia books 2016


Il genere del romanzo è poco utilizzato dagli architetti come forma narrativa. Pochi si sono cimentati con il genere.
Forse il caso più interessante nella storia è quello di Fernand Pouillon, poco incline alla teoria del progetto così come siamo abituati a leggerla, ma molto attivo nella progettazione e nella realizzazione di edifici (alcuni dei quali e veri e propri capolavori indiscussi dell'architettura).
La sua teoria era la costruzione di spazi, più che quella di oggetti, i suoi riferimenti principali riportavano a quei grandi organismi rappresentati dalle abbazie.
La sua teoria è perfettamente descritta nel suo unico romanzo Il canto delle pietre  diario di un monaco costruttore che nel XII secolo in Provenza edificò l'abbazia di Le Thoronet, un capolavoro di architettura cistercense. La vita di un cantiere medievale utilizzata per descrivere la professione dell'architetto, con la meticolosa descrizione dei problemi tecnici, finanziari e dottrinali che ostacolano i lavori, ancora di attualità sconcertante.
Una cronaca che si completa con una riflessione sul rapporto fra il bello e il necessario, fra l'uomo e la natura.
In questa linea di ricerca, in un periodo diverso della storia e con altre premesse che si inquadra questo romanzo di Michele Costanzo. Un tentativo, riuscito tra l'altro di racconto autobiografico dove si immagina un'altra possibile alternativa a ciò che è stato. Un libro che sembra pensato non per gli architetti ma per un genere di lettore interessato all’architettura, all’arte e alle loro rispettive problematiche.




Una Roma contemporanea fa da cornice alla costruzione di un piccolo edificio, che prima di essere architettura è metafora di un rapporto familiare padre figlio, attorno al quale il protagonista concentra tutte le sue forze.C’è all'interno di questo testo, come sostiene lo stesso autore  una certa nostalgia per una città che nel corso degli anni è andata perdendo la sua identità e i suoi valori.
 La costruzione della narrazione è anche quella di un edificio immaginario,  enunciazione di una teoria debole sul valore di un museo e di una collezione privata. Arte e architettura, e passione familiare si fondono quindi in una narrazione fluida. Non è un caso che lo stesso autore abbia da poco completato un lungo saggio sui musei americani progettati da Philip Johnson, come luoghi ibridi tra residenza di collezionisti e spazi pubblici. Molte delle riflessioni critiche, e forse un'empatia con lo stesso architetto americano che progetta la propria residenza come un insieme di padiglioni immersi nella natura, trova nel romanzo un compimento progettuale. Quindi siamo di fronte ad un romanzo ma anche ad un vero e proprio progetto.
Alla fine degli anni cinquanta Andrè Malraux teorizza il museo contemporaneo come luogo dell'immaginario in cui periodi diversi si sovrappongono e confrontano tra di loro. In questo romanzo l'idea della collezione d'arte come spazio mentale capace di amplificare l'immaginario degli individui si riflette nella costruzione dello spazio fisico.
Pagina dopo pagina attraverso una scrittura lenta l'autore, racconta anche se stesso, i suoi desideri e riscrive la propria storia personale sovrapponendola agli affetti più cari, lo spazio della scrittura e l'edificio che lentamente prende forma attraverso le descrizioni dei dettagli costruttivi e dei materiali usati, è la metafora di desideri e fatti realmente vissuti.



L'opera non si occupa più di rappresentare la realtà, il suo obbiettivo ora è quello di essere la realtà. Realizzare un'opera non vuol dire più eseguire un bel quadro, ma creare un momento di transizione progettuale dove ciascuno possa togliere o aggiungere qualcosa, a patto che questo qualcosa non smentisca mai la sincerità della sua natura.




Il libro è anche un viaggio dentro una città che cambia non cambiando mai, Roma è lo sfondo ma anche in un certo senso la protagonista di questa idea di architettura che si adatta ai luoghi, che cerca il compromesso giusto, in un certo senso Roma è questo.
Sicuramente avevano ragione I Superstudio che dopo aver lavorato assieme tanti anni si separano dichiarando che l'architettura sarà la nostra vita, anche Costanzo lo dice piano ma lo dice, prima di tornare dentro il suo studio a scrivere assieme al protagonista di questo romanzo per  lavorare ad un altro progetto.



WATER AND ASPHALT











WATER AND ASPHALT

The Project of Isotropy

Living and working, water and asphalt: the 21st century's urban challenges

UFO 5

di Luca Montuori


Il libro raccoglie in maniera sistematica i diversi contributi per la ricerca “The project of Isotropy” condotto da Bernardo Secchi e Paola Viganò e presentato già nella Biennale di Venezia del 2006. Fino ad oggi l’intero lavoro, che ha per oggetto l’area metropolitana di Venezia, era stato presentato in vari articoli e pubblicazioni, ma ne mancava una sua edizione organica che permettesse una lettura dalle tesi alle conclusioni passando per un apparato di materiali fotografici, cartografici e progettuali veramente notevoli.

La sostenibilità è oggi un tema toppo spesso affrontato con ricette universali, applicazione sistematica di soluzioni standard scambiate per assiomi scientifici: raccolgo e riciclo acqua (ma quanta acqua si ricicla su una terrazza condominiale?), riempio gli edifici esistenti di pannelli isolanti (ma che impatto ha la loro produzione e il loro smaltimento?), copro intere pianure di pannelli solari, cambio infissi. In Sicilia, a Bolzano, a Brasilia, in Cina, ogni concorso, ogni progetto, ci propone lo stesso catalogo di soluzioni. Una rappresentazione etica del ruolo del progetto che dimentica la specificità dei territori, delle ragioni storiche, dei paesaggi, delle economie che li hanno generati. 

 


Al contrario il tema dell’Isotropia viene in questo caso utilizzato come elemento specifico di un territorio e quale strumento per il progetto in grado di coniugare i diversi aspetti che hanno dato forma al territorio stesso definendone l’immagine attuale. Due sono gli elementi che hanno contribuito in maniera decisiva alla creazione di questa immagine: acqua e asfalto. Da questi il progetto riparte: la natura del terreno da un lato, con i suoi aspetti più evidenti, la presenza dell’acqua e della laguna, ma anche con la natura intrinseca dei suoi suoli, la sua fragilità, elementi che hanno influenzato l’insediamento degli uomini fin dal progetto della centuriazione romana. Dall’altra parte l’asfalto, inteso come rete di infrastrutture artificiali che con il dato naturale hanno dovuto fare i conti modificandolo, utilizzandolo come parte di un sistema insediativo che sintetizza nella sua forma dati politici ed economici.

La ricerca parte da due ipotesi: la prima riguarda la crisi del rapporto tra questi due elementi che si traduce in una crisi del rapporto tra contesto e società da cui hanno origine una serie di paradossi con cui il progetto deve fare i conti. La seconda riguarda la necessità di una trasformazione radicale del metodo progettuale alla scala del territorio. Analizzare, mappare, rinominare, ma non solo come operazione conclusa in se stessa quanto piuttosto come base di partenza per ridisegnare, ridefinire i sistemi spaziali e comprendere l’impatto che avranno sul paesaggio.
 Intorno a queste due ipotesi di partenza il volume procede mappando ridefinendo alcune categorie di analisi, individuando le criticità e i punti forti che un tale sviluppo territoriale ha determinato, definendo i possibili strumenti del progetto derivati da nuove chiavi di lettura. Il libro è corredato da mappe, schemi e plastici di progetto, tentativi di catalogazione fotografica, salti di scala, diagrammi e dettagli. Il libro propone un importante problema di scala del progetto come strumento per sintetizzare interventi locali e territoriali, un dato della contemporaneità che non permette di ignorare, neanche nei piccoli interventi puntuali, il territorio, la sua forma, il suo paesaggio come sistema in grado di tenere insieme il dato geologico e l’oggetto di design. Sembra solo un problema terminologico ma oggi si pone come un problema culturale che guarda il problema dal punto di vista della complessità contro la semplificazione e la schematizzazione del dato quantificabile e misurabile, anzi “certificabile”.

ABITARE I LIMITI

























Planet B
Editor: Alain Bieber & Lukas Feireiss
Design: possible.is– Matthias Hübner
Verlag der Buchhandlung
Walther König, Köln



The publication accompanying the exhibition Planet B – 100 ideas for a new world is a collection of different ideas for a new world – a Planet B. The most visionary artists, designers, architects, writers and futurologists in the world present their political, poetic, odd and radical ideas for a new world.  

The international group exhibition “Planet B – 100 ideas for a new world” engages with the radical changes to our planet – and looks for a plan B, for the future we are all dreaming of. Some 500 years after the publication of Utopia, a novel by Thomas More, artists, designers, architects, researchers and entrepreneurs will be presenting their utopias for the 22nd century.
Food hacking, the smart city, alternative economies and sustainable consumption – with their projects, the artists will be highlighting alternatives and drawing our attention to social, political and economic injustices. Yet, the exhibition project is not merely about showcasing these ideas - they will also be realised in the exhibition as well as in public spaces.



Living the boundaries is my personal contribution to the new world.


During our existence we experiment various boundaries which define us, pointing out discontinuity, walls to break, prohibitions to respect, real or symbolic tales. The board surrounding us, influencing every angle and in all perspective, starting from our unchangeable date of birth, time, place, family, language, country, from the shell of our own skin, from the sensitive horizon, intellectually sentimental of our soul to finish with the last term of death (Remo Bodei).



The human kind condition is distinguished by being surrounded by limits moving and changing. Man is the human being with no boundaries, because once discovered most of the time he overcame them. Facing the complexity of similar questions it is fundamental to replace the limit’s idea, having partially lost our full awareness, which was normal in other time, in order to be able to define the extensions of our liberty and to calibrate the range of our desire. In a world changing quickly where architecture primal function is to protect and shape human activities, it’s important to acknowledge the multiple and concrete aspect of single boundaries, rediscovering , from time to time, the reasons establishing the importance criteria and carry out a careful mapping. It’s necessary to inhabit the boundaries and not erasing them, it’s necessary to inhabit the space not to reach new aim but to learn to live in our planet. In such a way it will be possible to recognize the primal function of architecture which should quit its own planet because only by looking at the Moon surface and observing other planets of un-breathable atmosphere, of extreme temperature, we can feel the earth nostalgia, the only place where life still possible before it is destroyed by our behavior. The ambiguity of the spatial endeavor, where projecting ourselves outside intersect the desire to come back, replace the man in the center of the universe. This not achievable projects in terms of reasonable time, demonstrate the nostalgia of a possible future, suggest a future where we will be obliged to put them into practice in order to be able to come back home. 



 living the limit 01 | 2016




Durante la nostra esistenza sperimentiamo innumerevoli confini che ci definiscono, segnalando discontinuità, barriere da infrangere, divieti da osservare, storie reali o simboliche. I limiti ci circondano e ci condizionano da ogni lato e sotto ogni aspetto, a iniziare dagli immodificabili dati della nostra nascita, tempo, luogo, famiglia, lingua, Stato, dall'involucro stesso della nostra pelle, dagli orizzonti sensibili, intellettuali affettivi del nostro animo per finire con il termine ultimo della morte. ( Remo Bodei)





La condizione della specie umana è contraddistinta dall'essere circoscritta da limiti che sono mobili e cangianti, l'uomo è l'essere che non ha confini, perché nel trovarli per lo più, li supera.
Di fronte alla complessità di simili questioni è diventato urgente rimpiazzare l’idea di limite, di cui si è in parte persa la piena consapevolezza, normale in altri tempi, in modo da essere meglio in grado di definire l'estensione della nostra libertà e di calibrare la portata dei nostri desideri.
In un mondo che cambia velocemente e in cui l’architettura sta perdendo la sua funzione primaria, quella di proteggere e dare forma alle attività umane, è necessario riconoscere i molteplici e concreti aspetti dei singoli limiti, riscoprirne, di volta in volta, le ragioni, stabilirne i criteri di rilevanza e compierne un'attenta mappatura. 
 living the limit 02 | 2016
E’ necessario abitare i limiti e non cancellarli, è necessario abitare lo spazio non per raggiungere nuovi traguardi ma per imparare a vivere sul nostro pianeta. In questo modo sarà possibile riconoscere la funzione primaria dell’architettura, che deve abbandonare il proprio pianeta perché solo guardando la superficie della Luna e osservando gli altri pianeti dalle atmosfere irrespirabili, dalle temperature estreme, si può riscoprire la nostalgia per la Terra, unico luogo dove la vita è ancora possibile prima che sia distrutta dai nostri comportamenti.
L’ambiguità dell’impresa spaziale, in cui il proiettarsi verso l’esterno si intreccia con il desiderio di ritorno rimette l’uomo al centro del mondo.
Questi progetti non realizzabili in tempi ragionevoli, manifestano la nostalgia di un futuro possibile, indicano un avvenire in cui ci vedremo comunque obbligati a metterli in pratica, per poi poter tornare finalmente a casa.









UN MANUALE DI REALISMO UTOPICO







Il libretto rosa di ma0
teoria e pratica del realismo utopico
Alberto Iacovoni Domenica Fiorini
Libria 2016  


Un diario di bordo, un discorso sul metodo di lavoro dalla concezione alla rappresentazione del progetto. Un libro ibrido tra monografia e saggio  capace di raccontare una poetica.
Alberto Iacovoni cerca di descrivere molti anni di ricerca attraverso scritture diverse, lo fa descrivendo non il progetto ma ciò che lo genera prima, il pensiero, e dopo il procedere lento della sua formalizzazione. In questo passaggio i disegni e le immagini di riferimento si trasformano lentamente in architettura. 
Un descrizione minuziosa di come lavora lo studio un manuale vero e proprio di pratica professionale e non solo. In cui Alberto Iacovoni accompagnato da Domenica Fiorini che collabora con lui da molti anni riflette sulla condizione del progetto, sulla pratica del concorso, sull'esperienza di insegnamento.
Il libro scorre veloce tra disegni e segni, e solo alla fine ci accorgiamo di come lo spazio dell'architettura è prima di tutto una condizione mentale, e per comprenderlo si  deve prima di tutto saperlo raccontare.






In questo breve post  ho raccolto immagini, disegni ma specialmente il testo che introduce il libro.






Dall'Introduzione di Alberto Iacovoni


Walk on road, uhm?
Walk right side, safe.
Walk left side, safe.
Walk middle,
sooner or later get squish,
just like grape.
Master Miyagi, Karate Kid






Questo è un manuale.

Sin dall’inizio pensato in due parti, una prima  con una serie di brevi pensieri che scandiscono le fasi del processo progettuale e una seconda con delle istruzioni concrete su come organizzare parallelamente il lavoro, nel suo farsi il libro è cambiato: scritto in un luogo distante dal turbinio della pratica, nello splendido isolamento accademico di una università americana nel Qatar, è diventato infine la somma di due parti forse più autonome del previsto, più personale, astratta e proiettata verso il futuro la prima, più concreta e plurale la seconda, la sedimentazione di quindici anni di pratica.
Le due parti condividono un modo di lavorare e di vedere il mondo che chiamiamo con un ossimoro apparente realismo utopico: una attitudine che non contempla certezze, ma rimette continuamente in discussione tutto, senza pregiudizi, e pretende di ricostruire dalle fondamenta ogni volta le ragioni del progetto, di mettere in discussione la validità di principi generali immergendoli nella complessità dei contesti specifici.
Un modo di fare architettura che, come ripetiamo ossessivamente con le parole di Robert Smithson, non vede le cose come oggetti isolati, ma in un sistema di relazioni – ecosistemiche, sociali, spaziali – che producono le cose stesse e  ne sono profondamente e spesso imprevedibilmente modificate.

Teoria e pratica del realismo utopico è la guida per chi deve ogni volta riprendere il cammino dall’inizio e riscoprire la verità dell’architettura senza pregiudizi, muovendosi incessantemente da un fronte all’altro, dalle vette dell’utopia alla banalità del quotidiano, collocandosi nel mezzo, nella tensione irriducibile tra questi opposti, anche se si rischia di essere schiacciati come un grappolo d’uva.







This is a handbook.
 
Designed from the beginning to include two sections, one a collection of brief meditations about the phases of the design process and the other including practical instructions about how to organize work at the same time, the book has changed during its development. Written in the magniicent academic isolation of an American university in Qatar, therefore far away from the whirlwind of daily practice, the book has inally become the sum of two sections perhaps more independent than it was anticipated – one more personal, abstract and projected towards the future, the other more practical and plural, the expression of ifteen years of practice.
The two sections relect the same way of working and looking at the world that we deine, with a seeming oxymoron, utopian realism – an attitude that, rather than relying certainties, constantly strives to question everything in order to justify the reasons of design every time from scratch as well as the validity of general principles by confronting them with the complexity of speciic contexts.
As we obsessively repeat by borrowing Robert Smithson’s words, this way of building architecture does not view things as isolated objects but rather as a system of – eco-systemic, social, spatial – relations that produce them and dialectically interact with and are deeply changed by them.
Theory and Practice of Utopian Realism is a guide you may use whenever you have to start your path from the beginning to rediscover the truth of architecture from an unbiased point of view by constantly exploring very different places, and moving from one stand to the other, from the peaks of utopia to the platitude of daily life, and inally standing in the middle, in the relentless tension between the two opposites even though you may end up crushed like a bunch of grapes.





Powered by Blogger.